Catalogo Step Finale Vincitori

Step Finale Vincitori

Esposizione Collettiva di Arte Contemporanea: Esposizione Collettiva dei Vincitori degli Undici Step Espositivi del  Premio Art Caffè Letterario Edizione 2012/2013.
A Cura: Pamela Cento, Sonia Mazzoli.
Coordinator: Valentina Marin.
Staff: Eleonora Santonocito, Federica Cammilloni, Anna Di Matteo, Simona Bosco, Silvia Cicio, Andrea Sciara.
Artisti: Massimiliano Bernardi, Wanda D'Onofrio, Dario Di Franco, Sabrina Di Vaio,  Angela Esposito, Carmine Fiore, Jacopo Fortino, Silvia Garzonotti, Sara Radaelli, Luigi Rodio, Pierpaolo Todisco.
Inaugurazione: Venerdì 14 giugno, dalle ore 19.30 alle 22.30.
Dove: Caffè Letterario, Via Ostiense 95, Roma (Metro Piramide).
Quando: Da venerdì 14 a mercoledì 19 giugno 2013.
Orari: Dal mercoledì al venerdì dalle 10.00 alle 24.00 - Martedì dalle 14.00 alle 24.00 - Sabato dalle 18.00 all 24.00 - domenica 18.00 alle 24.00.
Info: 3492847925 – www.centoproduzioni.com - www.artcaffeletterario.com - www.caffeletterarioroma.it
Ufficio Stampa web: Federica Cammilloni.
Produzione: Caffè Letterario – Mazzoli & Cento Produzioni Arte e Comunicazione.
Il Premio, dedicato a tutti i generi e i linguaggi artistici, ha raggiunto lo Step Collettivo Finale. Da venerdì 14 giugno sarà infatti possibile vedere esposte, fino al 19 giugno, le opere degli artisti che hanno vinto gli undici Step Espositivi del Premio Art Caffè Letterario il cui percorso espositivo si è snodato lungo un arco di  otto mesi. Un Premio assai vasto, non solo per la durata temporale, ma anche per il grande successo di pubblico, basti pensare che sono 5684 le persone che hanno votato on line sul sito www.artcaffeletterario.com gli undici artisti vincitori dei differenti step (273 è il numero del totale degli artisti che hanno esposto), un Premio vasto anche per il numero dei metri quadrati espositivi coinvolti, i 1000 metriquadri  della superficie del Caffè Letterario di Roma, spazio multifunzionale che ha fatto da contenitore e da cornice alle undici esposizioni.
Decine di artisti selezionati in tutta Italia hanno partecipato al concorso, la Direzione Artistica del Premio è degli Architetti Vincenzo Pultrone e  Domenico Pasqua e delle Curatrici dall’esperienza Internazionale Pamela Cento e Sonia Mazzoli.
Il 14 giugno verranno resi noti i nominativi dei due vincitori del Premio Art Caffè Letterario: il vincitore nominato dalla Direzione Artistica, e il vincitore nominato dal  pubblico, attraverso la votazione on line.
Ai due vincitori sarà dedicato un grande Evento il 21 giugno in una bipersonale all’interno del Caffè Letterario di Roma: consacrato crocevia di arte, cultura, design.
I vincitori degli undici step espositivi: Massimiliano Bernardi, Wanda D'Onofrio, Dario Di Franco, Sabrina Di Vaio,  Angela Esposito, Carmine Fiore, Jacopo Fortino, Silvia Garzonotti, Sara Radaelli, Luigi Rodio, Pierpaolo Todisco.

Massimiliano Bernardi. Collettive: Forum Interart (Roma), Palazzo Barberini (Roma), Banco di Roma (Sacrofano), Galleria comunale di Morlupo, Ambasciata d’Egitto, Miami, Milano, Fiuggi, P.zza del Popolo (Roma), V.le Europa (Roma), Caffè letterario (Roma), varie con i Cento Pittori di Via Margutta, ecc. Personali: Galleria Comunale di Morlupo con il patrocinio del comune, Storica Libreria Remo Croce, Galleria Pentart (patrocinio Regione Lazio), Galleria Iannone Profumo d’Arte, di nuovo Galleria Pentart, Baylon Café. Pubblicazioni: copertine di libri: “Il divoratore di anime” (Fermento), “Il cuore altrove” (Fermento), “La luna e il pozzo”, “Storia del mondo in romanesco” (Golden editore) carte telefoniche collezionabili Telecom   20 pubblicazioni da 1500 tirature cadauna. Illustrazioni per “La grande storia dell’uomo” (Golden editore) Hanno parlato di lui: Mario Luzi, Sandro Curzi, Antonio Passa, Remo Croce, Simonetta De Bartolo, il televideo di rai tre, il telegiornale di Teleregione, Radio ventiquattro, il mensile “L’Urlo”, il canale d’arte dell’ENEL, la rivista dei carabinieri “Le fiamme d’argento”, ecc. Alcune opere relative ad espressioni ed emozioni, sono state utilizzate da una scuola di psichiatria e psicologia. Le opere di M. Bernardi fanno parte di collezioni private in tutta Italia. Opere visibili e biografia completa su: www.bernardiarte.com.
Wanda D’Onofrio si avvicina alla fotografia quasi per caso, con il bisogno di dire qualcosa e, per farlo, sceglie l'immagine.  Fa un viaggio breve. Tocca e sperimenta vari generi fotografici e lo fa per capire, per conoscere e per conoscersi attraverso la fotografia. Scopre nel ritratto la sua strada. E’ attraverso il ritratto che Wanda D’Onofrio riesce a dire. Usa la macchina fotografica per mettere a fuoco quanto di più intimo suggerisce la sua anima, il suo sentire attraverso le altre persone e talvolta attraverso se stessa. E' il suo linguaggio preferito per raccontare paure, gioie...le sue e le altrui emozioni.
Dario Di Franco nasce a Napoli nel giugno del ’65, fin da piccolo esprime la sua creatività scarabocchiando fogli, vestiti e pareti di casa. Da ragazzo disegna fumetti e si trasferisce in Puglia, dove impara a cucinare, scopre gli scrittori sudamericani e impara a riconoscere l’ Aglianico al primo sorso.  Nel 2006 ritorna a Napoli ed inizia la sua attività artistica con esposizioni nelle principali città italiane. Spazia dall’uso di materiali tradizionali, come tele e colori acrilici, a materiali “alternativi” quali plastiche, resine, ferro, plexiglass. Con le sue opere ha vinto numerosi premi tra cui il Primo Step del Premio Art del Caffè Letterario di Roma. Attualmente vive nelle Marche e le sue opere sono esposte in numerose Gallerie d’Arte di Milano, Roma, Napoli, Como, Bologna, Salerno. In questo momento, all’ombra di un ulivo, tra le lenzuola fresche o in qualsiasi posto che scaldi il cuore sta rileggendo Oceano Mare di Alessandro Baricco. Ad alta voce. 
Sabrina Di Vaio, in arte Dora Markus, nasce in provincia di Milano. Dopo la maturità scientifica intraprende gli studi di medicina specializzandosi, in seguito, in psichiatria presso l’Università di Pisa. Attualmente risiede a Firenze. Fin da piccola dimostra grande passione per la fotografia, dapprima per quella analogica, successivamente per la digitale. L’Artista con il linguaggio delle immagini racconta la vita. Guarda la realtà con il cuore e la mente, cattura i giochi di  ombra  e i contrasti di luce mettendo in risalto forme, trasparenze, dissolvenze che si fondono nelle diverse angolazioni di prospettiva. Ogni scatto racchiude in sè  innumerevoli livelli di lettura e agisce sul nostro modo di percepire l’esistenza cogliendone il significato più profondo. Dora Markus riesce a dare un’anima e una valenza di magia ai suoi soggetti siano essi osservati nella realtà di ogni giorno o presenti nelle opere d’arte della sua Firenze.  
Angela Esposito nasce a Napoli, dove si laurea in matematica. Per lavoro, si trasferisce a Como dove  inizia  il suo percorso artistico.  Le prime opere sono prevalentemente  acquerelli di impostazione steineriana. A Roma, dove si stabilisce in seguito, sperimenta linguaggi  artistici diversi, in cui  continua ad alternare le produzioni  pittoriche  e poetiche.  I suoi lavori, infatti, sono spesso accompagnati da testi poetici che fanno eco alle immagini. Si muove fra stili espressivi diversi, alla ricerca di armonie compositive. Mondo interiore e osservazione del reale, materia e risonanze. Colore, chiaroscuri, immagini che si integrano nello sforzo della dialettica espressiva.
Carmine Fiore è nato a Capri nel 1965. Ha vissuto all’estero, a Parigi, Londra e New York. Sue fotografie sono state pubblicate sulle riviste “Progresso Fotografico” e “Photo Italia”. Ha collaborato tra le altre con “la Repubblica”, “L’Espresso”, “Traveller di Condé Nast”. Nel 1993 partecipa nella Repubblica di San Marino, in occasione del 5a International Photomeeting, ad un workshop diretto da Eikoh Hosoe; nel 1994 partecipa ad Arles in Francia all’Incontro Internazionale di Fotografia “Les Rencontres d’Arles”; nel 1995 partecipa a Firenze ad un workshop diretto da Franco Fontana; nel 1997 a Pieve di Soligno alla Seconda Internazionale di Fotografia organizzata dal club “Fotografica”. Nel 1995 vince il Premio San Michele, istituito dalla Fondazione San Michele di Anacapri, grazie a “Le mie unghie hanno incontrato il nulla”. Nel 1998 pubblica il suo primo libro fotografico edito da La Conchiglia di Capri, “Capri Passaggi”. Nel 2001 pubblica “Bianco&Nero”, libro fotografico di successo. Numerose sono le mostre personali e collettive a cui ha partecipato.
Jacopo Fortino nasce a Roma il 28 settembre 1988, fin da bambino esprime la sua vena artistica distinguendosi con disegni già ricchi di particolari, crescendo la sua passione pittorica e artistica non decresce ed emergono sempre più le caratteristiche del pittore e l’ uso di colori che spesso delineano sensazioni contrastanti.  Ha partecipato a corsi privati di pittura, andando a perfezionare anche le tecniche di disegno in prospettiva e di genere architettonico.
Questo crescendo di sensazioni , stimoli , nuove conoscenze ed esperienze di vita lo portano dal disegno su carta a dipingere su tele e tavole di recupero, denotando ancora di più quel bisogno artistico di liberazione dall'emozione.
Silvia Garzonotti nasce a Minucciano (LU), da giovanissima si trasferisce prima a Livorno e poi a Roma, dove completa la sua formazione scolastica, per poi trasferirsi, con la famiglia alla Spezia, dove tutt'ora vive e lavora. Disegnare è sempre stato per lei un gesto spontaneo con particolare interesse per il ritratto e la copia dal vero. Già sposata e con una figlia, frequenta l'Accademia di Belle Arti di Carrara, diplomandosi con il massimo dei voti con una tesi sul ritratto. Nel 2003 elabora delle casse di legno intelate e ingessate a caldo, alla maniera medievale, dove realizza l'opera, “Ritratto 1” (presente nelle collezioni del C.A.M.eC. Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia), che risulterà vincitrice al “Premio Arte Mondadori 2003”. Ha esposto presso: Galleria Atrebates di Dozza (BO), Atelier 18  (SP), Villa Ito (SP), Sala Consiliare del Comune di Minacciano (LU), Centro Allende (SP), Villa Erba Cernobbio (CO), Palazzina delle Arti della Spezia (SP), IGV Club Santa Giusta loc. Castiadas – Sardegna, Galleria Vértigo presso lo spazio Enzo Pifferi (CO), Galleria d'Arte 18 (BO), Palazzo Arese Borromeo a Cesano Maderno (MI), Arte Fiera Padova, Museo di Cartografia della Città di Monsummano Terme. Hanno scritto di lei Renato Carozzi, Valerio P. Cremolini, Enrico Formica, Enzo Santese, Marzia Ratti, Francesca Mariani.
Sara Radaelli è nata a Milano il 15 settembre 1973. Dopo una iniziale formazione artistica all'istituto d'arte, culminata con la laurea presso l'Accademia delle Belle Arti di Brera, durante gli anni dell'insegnamento si è dedicata alla ricerca della propria collocazione nel panorama artistico italiano. Grazie all’ intuizione di utilizzare e unire due tecniche artistiche tanto lontane quanto vicine - la fotografia e la pittura - Radaelli sovrappone dipinti di sua produzione a immagini fotografiche originali. Il risultato è rintracciabile sulla pelle delle sue opere: la mutazione cromatica della fotografia vuole simboleggiare l'evoluzione continua e incessante dell’Arte.  La nuova prospettiva che ne scaturisce è il prodotto di una sovrapposizione pratica e teorica: utilizzando la pittura come filtro, Radaelli mette a disposizione dell'osservatore lo sguardo interiore dell'artista. Si tratta non solo di una reinterpretazione artistica di ciò che l'essere umano vede a occhio nudo, ma anche di un nuovo modo di osservare il mondo. La materia pittorica plasma la realtà oggettiva, dotandola di un’espressività alternativa, figlia del mondo onirico, nel quale ogni legge naturale perde la sua peculiarità, inchinandosi al sogno, il mondo dove tutto è possibile e dove realtà e immaginazione si perdono una nell’altra.
Luigi Rodio (pseudonimo di Luigi De Luca) è un’artista pugliese dalla formazione prevalentemente musicale; ha studiato clarinetto, didattica della musica, composizione e direzione d’orchestra. Nella sua attività pittorica l’autore lavora sul rapporto tra musica e pittura in modo da creare opere in cui entrambe le arti confluiscono in un’unica concezione artistica. Tematica predominante è il rapporto tra gestualità direttoriale e pittorica, nelle sue opere, infatti, l’artista traspone la gestualità direttoriale nel colore allo scopo di creare un fusione tra entrambe; l’opera che nasce rappresenta l’istantanea di un particolare momento musicale fossilizzata e impressa nell’evento cromatico. Interesse dell’autore è volto all’incontro tra arte temporale e spaziale, incontro che si concretizza  attraverso un bilanciamento tale da porle il più possibile sullo stesso piano; l’opera non sarà considerata né completamente pittorica né completamente musicale, ma un’entità nuova ed autonoma che mira non all’interpretazione soggettiva della musica rapportata al colore, ma ad una trasposizione quanto più oggettiva e fedele di un concetto sonoro nell’ambito di quello cromatico. L’autore lavora anche sul rapporto tra polifonia musicale/pittorica e spazializzazione del colore stesso all’interno di organici cameristici e orchestrali; idea predominante è sempre quella di creare punti di collegamento tra concetti comuni ad entrambe le arti.
Pierpaolo Todisco nasce a Bari l' 8 giugno di 37 anni fa e sin da piccolo mostra una particolare propensione per il disegno e l'arte in genere. All'età di 23 anni dopo un percorso di studi molto vario decide di iscriversi presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Bari  conseguendo il titolo 6 anni dopo ed in seguito Presso Il Politecnico di Milano il titolo di Interior Designer. Proprio grazie alla passione per l'architettura ed al sempre crescente utilizzo della grafica computerizzata nell'ambito lavorativo decide di cimentarsi nella creazione di opere artistiche sostituendo a tela e pennello la tavoletta grafica. Partecipa alla prima edizione del Premio Art Caffè Letterario risultando il vincitore della votazione on-line del IV step Espositivo, espone una sua opera L' Ideal durante la manifestazione Donna XX ed infine presso la Coronari 111 Art Gallery espone due sue opere tratte da Architetture ed Architetti per l'evento La Setta degli Artisti.
UFFICIO STAMPA
Federica Cammilloni – 3278118016 - cammilloni.f@gmail.com